News

30 Giugno 2022

DIVIETO DI UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE PER SCOPI DIVERSI DA QUELLO POTABILE

IL SINDACO
VISTA la richiesta di emissione di specifica ordinanza pervenuta da Acea Acqua – Acea ATO 2 SpA acquisita al prot. generale di questa Amministrazione al n. 6431 dell’11/05/2022, necessaria a limitare l’utilizzo dell’acqua potabile proveniente dal pubblico acquedotto ai soli usi potabili ed igienico-sanitari;
VISTA la necessità di contenere ii consumo di acqua potabile per usi diversi da quelli domestici, al fine di limitare possibili disagi ai cittadini durante il periodo estivo;
RITENUTO di dover contrastare con assoluta decisione ogni possibile spreco superfluo rispetto alle prioritarie esigenze d’igiene, d’uso e di servizio domestico;
CONSIDERATO che si rende necessaria una l’imitazione dei consumi di acqua potabile per far fronte alle emergenze idriche;
CONSIDERATA la necessità di prevenire i gravi inconvenienti, derivanti dalla scarsa disponibilità di risorse idriche, in particolare nel periodo estivo compreso tra i mesi di Giugno e Settembre;
RITENUTO quindi di dover provvedere in merito, regolamentando ii consumo d’acqua potabile per uso extra-domestico, nel periodo estivo;
VISTO l’articolo 50 dei D. Lgs 267/2000 in materia dei poteri e delle prerogative sindacali in ambito di eventi d interventi indifferibili ed urgenti a tutela dell’interesse e dell’incolumità pubblica;
VISTO an. 7 bis dei D.Lgs. 267/2000 e smi, in materia di sanzioni amministrative per le violazioni delle disposizioni dei regolamenti comunali e provinciali e delle Ordinanze Sindacali;
ORDINA
L’assoluto divieto di utilizzo dell’acqua potabile proveniente dalla rete di distribuzione comunale nei seguenti casi:

  • per irrigazione o simili, di orti, di giardini;
  • per riempimento di ogni tipo di piscina mobile o da giardino;
  • per lavaggio di automobili/cicli/motocicli;
  • per qualunque uso ludico o che non sia quello del servizio personale.

Ordina altresì che i prelievi di acqua dalla rete idrica siano consentiti esclusivamente per normali usi domestici, ovvero per tutte le attività regolarmente autorizzate, le quali necessitano dell’uso di acqua potabile.
Sono esclusi dal presente atto gli annaffiamenti dei giardini pubblici, parchi ad uso pubblico e le aree cimiteriali, qualora l’organizzazione del servizio non consenta l’annaffiamento in orario notturno;
Sono revocati tutti i provvedimenti in contrasto con la presente disposizione.
Alla violazione dei divieti posti con il presente atto si applicherà una sanzione amministrativa da € 25 a € 500 ai sensi di legge.
Si comunica che chiunque violi ripetutamente i disposti della presente ordinanza, oltre all’applicazione della massima sanzione pecuniaria, verrà denunciato alla Procura della Repubblica per l’avvio del procedimento penale a tutela dei pubblico interesse ai sensi dell’art. 650 C.P., nei confronti dei soggetto o utente che abbia cosi recato un grave danno alla collettività.
Si incarica la Società ACEA ATO 2, anche congiuntamente con il personale della Polizia Locale e delle Forze dell‘Ordine di effettuare controlli a campione per verificare ii corretto uso dell’acqua potabile.
Contro la presente ordinanza é ammissibile ricorso ai T.A.R. del Lazio entro 60 giorni, ovvero ricorso straordinario al Capo delio State entro 120 giorni, decorrenti dalla notificazione o piena conoscenza del presente provvedimento.

DIVIETO DI UTILIZZO DELLE RISORSE IDRICHE PER SCOPI DIVERSI DA QUELLO POTABILE
This message is only visible to admins.
Problem displaying Facebook posts.
Click to show error
Error: Server configuration issue

Ultimi articoli

Avvisi 5 Agosto 2022

Chiusura Biblioteca Comunale

Si avvisano i cittadini che la Biblioteca Comunale resterà chiusa dal 16 al 26 agosto.

News 3 Agosto 2022

AVVISO PUBBLICO FORNITURA GRATUITA TOTALE O PARZIALE DEI LIBRI DI TESTO E SUSSIDI DIDATTICI DIGITALI O NOTEBOOK PER LE SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO – Anno Scolastico 2022 – 2023

SI RENDE NOTO che per l’Anno Scolastico 2022-2023, la Regione Lazio intende sostenere attraverso fondi del Piano per il Diritto allo Studio l’assegnazione di contributi per l’acquisto di libri di testo, dei sussidi didattici digitali e notebook.

torna all'inizio del contenuto