Avvisi

14 Maggio 2012

L’IMU sperimentale non è la vecchia ICI

Cara Cittadina, caro Cittadino,

la manovra finanziaria del governo Monti ha introdotto un nuovo tributo: l’imposta patrimoniale sugli immobili (IMU), che sostituisce la vecchia imposta sugli immobili e vale più del doppio della vecchia ICI.

La nuova imposta è però “municipale” solo nel nome, perché – nonostante gli aumenti rispetto alla vecchia ICI – non porterà risorse aggiuntive nel bilancio del Tuo comune, anzi i Comuni, tenuto conto dei tagli alle risorse, avranno nel loro bilancio solo il 73% del gettito della vecchia ICI, nonostante il prelievo immobiliare ammonti ad oltre il doppio (il 133% rispetto all’ICI 2011).

Infatti, una buona parte del gettito è riservata allo Stato (oltre il 40% del totale previsto con l’applicazione delle aliquote di base indicate dalla legge) e inoltre i Comuni non possono ricevere più della vecchia ICI attraverso forme di compensazione con i trasferimenti statali.

I Comuni sono dunque costretti a richiedere ai propri cittadini un’imposta di molto superiore alla vecchia ICI, per sostenere il deficit dello Stato in generale e senza che ciò comporti un centesimo in più per le proprie risorse. Per il 2012 quindi i Comuni perdono risorse per un ammontare del 27,2% della vecchia ICI, mentre il prelievo immobiliare complessivo è più del doppio rispetto a quello 2011 (aumenta del 133%). Oltre tutto, i governi attuale e precedente hanno deciso ulteriori tagli ai bilanci dei Comuni che nel solo 2012 è pari ad una riduzione del 18% delle risorse trasferite.

Di fatto, tutti i Comuni italiani, a seguito di questa macchinosa previsione si trovano ad affrontare una situazione di estrema difficoltà: lo Stato, che già negli anni precedenti ci aveva imposto pesanti sacrifici, con quest’ultima manovra sull’IMU, ha reso ancora più precari i bilanci locali e con essi la possibilità di continuare ad erogare servizi essenziali alla cittadinanza.

Siamo consapevoli della grave crisi che il Paese sta attraversando, non vogliamo sfuggire alle nostre responsabilità, né scaricarle su altri. Il nostro contatto quotidiano con i problemi reali dei cittadini, delle famiglie e delle categorie economiche ci porta ad affrontare sul campo molte delle complesse questioni che ostacolano la fuoriuscita dell’Italia da questa crisi drammatica. Tuttavia, i Comuni italiani, diversamente da altre pubbliche amministrazioni, hanno già dato un grande apporto al contenimento del debito, risultando negli ultimi dieci anni il settore pubblico più efficiente e meno “sprecone”.

Molti Comuni di fronte alla gravità della penuria di risorse dovranno ricorrere all’unico strumento a disposizione: la revisione delle aliquote dell’IMU e dell’addizionale comunale all’Irpef. Gli aumenti che in queste settimane sono in discussione presso molte Amministrazioni locali sono il risultato delle scelte governative che si sono aggiunte ai vincoli sui pagamenti e sull’assunzione di mutui per investimenti, impedendo la ripresa delle economie locali senza riguardo per la situazione effettiva del bilancio di ciascun Comune.

I Comuni che saranno costretti a dar corso ad ulteriori aumenti del prelievo fiscale, secondo principi di equità e di proporzionalità, lo faranno per sostenere servizi pubblici essenziali nella vita delle comunità locali, dagli asili nido alle scuole materne, dalle mense scolastiche ai trasporti pubblici, ai servizi per anziani.

È ora che il Governo si renda conto che la ripresa economica dell’Italia passa per la vicinanza dei Comuni italiani con i problemi dei cittadini e per la loro capacità di fare investimenti utili per le comunità che amministrano.

Nelle prossime settimane l’ANCI e tutti i Comuni, compreso il Comune di Gallicano nel Lazio, si adopereranno per pubblicizzare le regole di calcolo dell’IMU e semplificare gli adempimenti cui sono chiamati tutti i possessori di immobili (abitazioni, uffici, negozi, e ogni tipo di fabbricato o terreno).

L’IMU include nella tassazione anche le abitazioni principali (quelle in cui il proprietario ha la sua dimora), che dal 2008 sono state escluse dall’ICI, e si calcolerà sulla base di valori imponibili che aumentano considerevolmente il prelievo.

Il prossimo 18 giugno scade il termine per il pagamento della prima rata dell’IMU ad aliquota di base, eventuali variazioni verranno prese in considerazione in occasione del conguaglio nel mese di dicembre.

Il Comune di Gallicano nel Lazio e l’ANCI continueranno ad operare con tutte le energie possibili per informare il contribuente e per assicurare un contatto diretto e continuativo tra il cittadino ed l’amministrazione comunale.

Cordiali saluti

Graziano Delrio                                                                Sindaco Danilo Sordi

 

Allegati

⚠️ AVVISO 📌Informiamo i cittadini che mercoledì 20 ottobre dalle 9 alle 20 si potrebbero verificare mancanze d’acqua e abbassamento della pressione per le vie segnalate in foto. 📌L’intervento di rende necessario per lo spostamento della tubazione principale Dell’acqua posizionata su Viale Diaz. 📌L’acqua presso le scuole verrà garantita attraverso lo stazionamento delle autobotti. ... See MoreSee Less
View on Facebook
L'Amministrazione Comunale e l’Universita’ Agraria organizzano la manifestazione "Week-end DiVino" con degustazione di vini delle aziende vinicole locali!Vi aspettiamo sabato 9 ottobre a partire dalle ore 16:00 presso il frantoio sociale di Gallicano nel Lazio!!! Di seguito la locandina con il programma dettagliato dell’evento!!! ... See MoreSee Less
View on Facebook
⚠️ #AVVISOlunedì 11 ottobre, in diverse zone di Gallicano, mancherà la corrente per lavori di manutenzione e potenziamento della linea elettrica. Qui👇🏼 l’elenco delle zone interessate e relativi orari ℹ️ ... See MoreSee Less
View on Facebook

Ultimi articoli

Avvisi 18 Ottobre 2021

Interruzione servizio idrico per viale Diaz il giorno 20.10.2021

Si comunica alla cittadinanza che per esegurire un intervento di manutenzione presso il Comune, il giorno 20 ottobre 2021 dalle 9.

Avvisi 18 Ottobre 2021

AVVISO PUBBLICO: DOMANDA PER DISABILITA’ GRAVISSIMA

È possibile effettuare la richiesta per accedere alle prestazioni assistenziali e di aiuto personale previsti dal programma attuativo degli interventi in favore delle persone con disabilità gravissima ivi incluse le persone affette da sclerosi laterale amiotrofica (SLA) in relazione alla gravità della compromissione funzionale e malati di alzheimer solo nel caso in cui il deficit connesso all’evoluzione della patologia rientri nelle condizioni di cui all’art.

Avvisi 30 Settembre 2021

NUOVO AVVISO PUBBLICO PER L’ASSEGNAZIONE DEI BUONI SPESA IN FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUZIONI DI CONTINGENTE INDIGENZA ECONOMICA DERIVANTE DALL’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA COVID-19

Il Comune di Gallicano nel Lazio, con Deliberazione della Giunta Comunale n 75 del 27/09/2021, ha approvato il nuovo avviso pubblico regolante le modalità di attivazione ed erogazione della misura di solidarietà alimentare per l’acquisto tramite Buoni Spesa, di beni di prima necessità, a favore di nuclei familiari in difficoltà, che abbiano subito variazioni della propria situazione economica a causa dell’emergenza sanitaria.

Avvisi 25 Settembre 2021

Avviso di interruzione di energia elettrica per il giorno 28.09.2021 nelle zone di Via Pescina, Grotte dell’acqua, Colle Collacchio e zone limitrofe

Vi comunichiamo che l’energia elettrica verrà interrotta per effettuare lavori sui nostri impianti.

torna all'inizio del contenuto